skip to Main Content
Come Modificare E Portare All’Estremo Il Nostro Notebook  Per Il Gaming

Come Modificare e Portare all’Estremo il nostro Notebook per il Gaming

La tecnologia fa passi da gigante ogni mese, praticamente. Cambiano sistemi di sviluppo grafico ed il nostro portatile rimane sempre, sempre più indietro. E’ purtroppo qualcosa che capita a tutti, senza esclusione. Ma non possiamo acquistare un notebook che costa 1000 (o più) euro ogni anno. Come possiamo tirare avanti con – ad esempio – un “vecchio” Notebook per riuscire a sfruttare tutti gli ultimi risvolti della tecnologia e tutti i nuovi effetti grafici?


Ecco dunque una lista di tutte le operazioni che potete effettuare per potenziare e rendere più veloce il vostro portatile:

Nota: alcune di queste operazioni possono essere pericolose per la salute del vostro portatile. Abbiamo già segnato quelle che possono essere più dannose. Questa guida tiene conto di un portatile robusto di almeno tre anni d’età che è stato tenuto con cura (e perciò pulito da polvere e non troppo maltrattato).

Cominciate a trasformare il vostro portatile in una forma più “fissa” descrivendo le modifiche applicabili sotto l’aspetto hardware. Se volete veramente portare oltre il vostro Notebook, bisogna dar conto al fatto che produrrà molto più calore. Come tale è importante convertire il tutto ad una forma da PC fisso. Questo è utile se il vostro portatile è sempre stato su un tavolo, non l’avete mai portato molto in giro, e così via.

  • Procuratevi un supporto, con ventole o meno. Sono economici e possono alzare il vostro Notebook, permettendo così di ventilare meglio la parte inferiore, quella che si scalda di più.
  • Controllate bene la posizione della vostra scheda video e processore. Se sono situati nella parte inferiore del vostro PC, potete rimuovere parte del pannelli o esporre completamente la scheda video e il processore all’esterno in previsione del prossimo passo (ma vi consigliamo comunque di fare estrema attenzione su questa operazione).
  • A questo punto procuratevi un qualsiasi sistema di ventilazione. Dal piccolo ventilatore USB alla semplice ventola per PC fisso che potete modificare con un alimentatore, basta che sia un mezzo per raffreddare meglio il vostro portatile. Più parti sono esposte alla ventilazione, meglio funzionerà il tutto.
  • Alcuni estendono questo sistema all’estremo, sistemando il portatile in un box che simula il case d’un PC fisso. Usano poi monitor, tastiera, mouse…e così via, da montare all’esterno.

Altri invece possono considerare alcune parti eccessive, ma arriveremo a breve a chiarire del perché sia necessario – nel caso – esporre ad una ventilazione esterna il vostro portatile. Nel frattempo, controllate ed accertatevi di quali sono le cose potete potenziare normalmente.

  • Il vostro HDD è il primo, ovvio passo che dovete attuare per la sostituzione. Montate una SSD, tenendo sempre conto dell’utilizzo che ne farete. Se volete il massimo, le Samsung 860 Pro da 512Gb mettono decisamente il loro punto fermo sulle prestazioni. Ovvio, se il vostro portatile supporta invece le SSD M.2 (quelle a scheda PCIe) potete sostituirla con componenti nuovi e più veloci.
  • La RAM è l’altro componente che potete aumentare o sostituire. Consultate sempre tutte le informazioni disponibili sulla rete, visto che vi può essere la possibilità d’usare DDR più veloci. In tal caso, controllare se vi sono versioni ricoperte in alluminio, visto che supportano meglio gli sbalzi di temperatura.
  • Potete cercare sempre altri mezzi per ottimizzare la componentistica del vostro portatile. Ad esempio potete sostituire il lettore DVD/Bluray con un altro Hard Disk (esistono adattatori appositi). Tenete conto che quest’ultimo non avrà accesso ad una comunicazione SATA ad alta velocità, per cui usatelo per conservare dati e null’altro.
  • Se il vostro portatile ha una porta Thunderbolt 3, potete connettere una scheda video esterna. Questa è la soluzione migliore (seppur costosa) per sopperire all’età del vostro portatile.

Adesso passiamo infine alle modifiche Software, quelle che spingeranno finalmente la vostra composizione all’estremo

Fate molta attenzione a questi passi, perché sono quelli più pesanti per il vostro notebook e comportano perciò i rischi maggiori.

Iniziamo da quelli più leggeri:

  • Aggiornate il vostro sistema operativo e modificatelo. Ad esempio passate da Windows 7 a Windows 10, e poi iniziate a togliere tutto ciò che non vi serve. Esistono programmi adatti per modificare il vostro sistema operativo come Windows 10 Manager (https://www.yamicsoft.com/it/windows10manager/product.html) e ShutUp10 (https://www.oo-software.com/en/shutup10). Modificando finemente il vostro Windows lo renderete ultra-leggero. In alcuni casi la sua modalità Gioco inclusa può darvi una mano.
  • Quando avviate un gioco, impostate sempre la priorità della CPU sopra il normale o Alta. Questo aumenterà sensibilmente le prestazioni. Potete fare ciò aprendo la gestione attività (CTRL+SHIFT+ESC) e cercando il processo del gioco in questione. Potete impostare la priorità del processore in Superiore al normale o in Alta. Non impostatela mai su Tempo Reale. A buona nota, non riuscirete ad utilizzare null’altro finché il gioco non sarà chiuso (o finché non riporterete la priorità a Normale).
  • Controllate se esiste una BIOS modificata per il vostro portatile, con la quale è possibile sbloccare alcune funzioni aggiuntive che possono essere utili per i passi che vi descriveremo a breve.
  • Installate programmi come:

Intel XTU (https://www.intel.it/content/www/it/it/support/products/66427/processors/processor-utilities-and-programs/intel-extreme-tuning-utility-intel-xtu.html)

MSI AfterBurner (https://www.msi.com/page/afterburner).

Questi programmi sono fatti apposta per effettuare l’Overclock del vostro processore e della vostra scheda video, se naturalmente supportati. Questo può aumentare di tantissimo le prestazioni, ma tenete conto che la temperatura e l’instabilità del vostro sistema può diventare eccessiva. In particolare troppo calore può nuocere così tanto al sistema da bruciarlo.

Esistono anche programmi dedicati per il controllo di altri dispositivi sul vostro portatile, come le ventole. Ad esempio un programma come SpeedFan (http://www.almico.com/speedfan.php) può controllare le vostre ventole, così che possiate impostarle al massimo della velocità tutto il tempo.

Inoltre, controllate sempre l’alimentazione del vostro Notebook. Alcuni portatili, specialmente quelli di penultima (o un pochino più vecchi) generazione e costruiti per il Gaming hanno un alimentatore di grossa stazza che può arrivare anche a 230W. Questi non vengono mai sfruttati del tutto. Usando l’Overcloking, porterete il sistema a risucchiare tutto quel voltaggio, ma non potete superarlo (il portatile semplicemente non riceverà la corrente necessaria, può spegnersi in buona parte dei casi). L’alimentatore può essere messo a rischio così come la batteria interna.

Ad ogni modo, consigliamo sempre un leggero Overclock unito a tutte le ottimizzazioni già scritte. Questo porterà all’estremo il vostro portatile, anche se bisognerà sempre fare attenzione.


Back To Top