laptop

Come scegliere un pc portatile

Come si fa a scegliere un pc portatile? Questa è la domanda tipica di chi si avvicina all’acquisto di un laptop. Quale processore devo selezionare? Intel I3, I5, I7 o scegliere AMD? Le RAM che dimensione devono essere? 8GB possono bastare o devo orientarmi verso 16GB? Certo, è una scelta piuttosto tecnica ma possiamo dire che non esiste il miglior computer ma esiste la migliore scelta personale. Il laptop infatti, andrebbe scelto principalmente in base all’utilizzo che dovrà avere. Questo utilizzo comporterà delle scelte “tecniche” e quindi di componentistica.

Diciamo che ogni portatile nasce per un utilizzo specifico ed ha una gamma di impieghi che dipendono molto dalle risorse che ha al suo interno. Questo articolo nasce per orientare l’acquirente sulla scelta e farsi un’idea del panorama attualmente presente. Questo è importante per poter compiere una scelta consapevole e non affidarsi all’amico esperto di turno. Senza considerare il fatto che il costo per un laptop, è comunque più altro rispetto alla stessa configurazione desktop. Questo per ovvie ragioni legate alla miniaturizzazione dei componenti, all’affidabilità delle prestazioni ecc.

Per iniziare a scegliere un pc portatile, dobbiamo dividere i laptop in 3 categorie che sono:

  • Prima fascia – entry level
  • Seconda fascia – middle level
  • Terza fascia – professional

La prima fascia è ideale per un utilizzo in rete e per la navigazione. Gmail, social, riproduzione di contenuti multimediali ed in linea generale per un uso leggero

La seconda fascia classifica computer per un utilizzo un pochino più ampio. Navigazione web, documenti e fogli elettronici, visualizzazione di contenuti multimediali ecc. In generale è indicato per studenti e per chi utilizza il laptop per motivi di lavoro.

La terza fascia è quella più impegnativa. Ideale per chi deve effettuare dei rendering, sviluppare applicazioni, fare editing video audio ed utilizzare software pesanti che richiedono molte risorse.

Prestazioni

Come_scegliere_un_pc_portatile

La prestazione è la parte fondamentale da considerare per l’acquisto di un computer. Immagina che questo rallenti durante la visualizzazione del video o durante un webinar continui la riproduzione con pesanti lags.

In linea generale possiamo utilizzare questa formula per stimare la prestazione e pesare le varie componenti:

Prestazioni = Processore + RAM + Memoria interna (Hard Disk) + Batteria + Scheda grafica

Processore

Come_scegliere_un_pc_portatile1

Il processore è il cervello della macchina. È la parte più importate di un computer perché ne delinea le caratteristiche. Attorno ad esso, infatti, viene progettata l’architettura di base del laptop in funzione della tipologia di uso per cui è fatto.

Al suo interno risiedono dei core che sono dei processori autonomi. L’architettura e la velocità dei core condiziona la velocità del processore cioè quanti operazioni riesce a compiere in un secondo.

Le famiglie principali sono due: Intel e AMD

AMD : processori più economici rispetto gli Intel. Sono molto indicati per notebook di fascia media. La serie dei processori è A, FX e Ryzen

Intel : sono molto potenti ed hanno un consumo relativamente basso. Rispetto gli AMD hanno un costo maggiore. La serie dei processori è Pentium, Celeron e core i3, i5 ed i7

Ram

Come_scegliere_un_pc_portatile2

navigazione, editing testo, riproduzione multimediale – 4/8 GB

Più in generale per un notebook di prima fascia, bastano 4 GB

Per un notebook di seconda fascia, bastano 8 GB

Per un notebook di terza fascia, bastano 16/32 GB

Archiviazione

Come_scegliere_un_pc_portatile3

Oltre alla memoria di breve termine, abbiamo quella di lungo termine. La differenza sta nel fatto che quando smetto di alimentare una RAM, questa si resetta mentre un Hard Disk, no. Gli HD, sono quindi utilizzati per stoccare tutti i programmi presenti in un laptop e per compiere numerose funzioni indispensabili al sistema operativo.

Appare evidente che un HD veloce si traduce in meno tempo nel trasferimento di dati di grosse dimensioni e maggiore fluidità del sistema operativo. Vediamo alle tipologie presenti:

HHD Hard Disk di tipo meccanico dove delle testine si muovono sopra dei dischi in modo fisico. Sono piuttosto lenti e rumorosi rispetto a quelli allo stato solido che vedremo. Sono una soluzione economica quando non si hanno necessità particolari.

SSD Hard Disk paragonabile ad una chiavetta USB (semplificando molto) per il fatto che non ha elementi meccanici al suo interno. Questo significa meno consumo, meno rumorosità ma più costo. Riesce ad accelerare il funzionamento del sistema operativo anche di 7 volte rispetto ad un HHD ma questo ad un costo economico maggiore. Sono indicati per PC che richiedono velocità di trasferimento elevate ed un sistema operativo scattante.

SSHD Sono degli ibridi dei primi due. Questo serve perché in questo modo il sistema operativo può utilizzare la parte allo stato solido mentre quello meccanico viene utilizzato per la conservazione del software.

Batteria

Come_scegliere_un_pc_portatile4

Quando devi scegliere il pc portatile in base alle proprie esigenze, la batteria è una delle componenti a cui bisogna prestare molta attenzione. La sostanziale differenza (oltre ovviamente alle dimensioni) tra un pc portatile ed un desktop è la presenza di batteria.

Andando nello specifico, ogni batteria è costituita da celle che ne definiscono le dimensioni, il peso e la capacità di carica. Ovviamente più celle avrà la batteria e maggiore sarà la sua dimensione, il peso e la durata utile del notebook. Oltre al numero di celle, la cosa che definisce in maniera sintetica la caratteristica di una batteria è la capacità. Viene espressa in Wh e indica quanta energia riesce ad erogare in un’ora.

Dobbiamo ricordare infine che la vita media di una batteria è di circa 500 cicli di carica e quindi dopo 3 anni di normale utilizzo, è possibile che sia da sostituire.

Scheda grafica

Come_scegliere_un_pc_portatile5

La scheda grafica è una componente del “miglior portatile” che non devi sottovalutare. La sua funzione serve ad alleggerire il carico di lavoro del processore per tutte quelle funzioni matematiche legate alla rappresentazione video. Ne esistono di molto potenti, e tale la capacità di calcolo viene utilizzata spesso anche per il mining delle criptovalute.

Esistono due tipologie di configurazione a cui dobbiamo prestare attenzione:

Integrata – utilizza la memoria disponibile dal processore, sottraendone risorse. A volte è indicata in questo modo: integrated graphics, shared graphics solutions, integrated graphics processors (IGP) o unified memory architecture (UMA). Può essere integrata o nella scheda madre o nel chipset. Fai questa scelta se l’uso del laptop è limitato alla navigazione su internet, posta elettronica, riproduzione multimediale.

Dedicata -  è progettata per farsi carico completamente della gestione video e quindi non toglie risorse al processore. Ha una sua memoria ed un suo processore grafico che rende ideali queste schede per utilizzo multimediale, gioco, grafica professionale.

Display

Nella scelta, è anche questa una componente da valutare bene. Un display grande comporta maggior peso, maggior consumo e costo. Dall’altro abbiamo un migliore comfort di utilizzo soprattutto per un utilizzo professionale. La dimensione si misura in pollici che è la lunghezza della diagonale dello schermo. Il più diffuso è 15.6’’ ma anche da 13.3’’ o 14’’. Generalmente per chi fa grafica o video editing o anche per i portatili da gaming, è più indicato uno schermo da 17’’.

Le migliori marche:

ACER
APPLE 
ASUS
DELL  
HP  
LENOVO  
MICROSOFT 
SAMSUNG